Un Popolo - Una Fede - Una Festa 

 

Storia della Festa dell'Assunta - dal libro Santa Maria in Guspini

Libro "Santa Maria in Guspini" di Tarcisio Agus e Mons. Corrado Melis

L’Assunzione della Vergine Maria

Storia e Festa

«Con quali parole spiegherò il tuo mistero?», si chiese S. Teodoro Studita (759-826) parlando della dormizione della Madre di Dio, «la mia mente è in difficoltà, è un mistero insolito e sublime, che trascende tutte le nostre idee. Non trovo nient’ altro di simile, cui possa paragonarsi, onde offrirne subito un saggio dalle cose che capitano, ma solo dalle cose che sono sopra di noi. Fu precisamente nel tuo ineffabile parto che mutasti l’ ordine della natura: quando mai, infatti, si è udito che una vergine abbia concepito senza seme? Colei che diviene madre partorendo rimane vergine incorrotta, perché Dio era quello che veniva generato. Così nella tua dormizione vitale, differenziandoti da tutti gli altri, tu sola a buon diritto rivesti la gloria della persona completa di anima e di corpo».

Queste parole possono essere considerate un piccolo saggio dell’ importanza e della portata teologica che questa festa riveste nelle Chiese di tradizione bizantina. 

La festa dell’ Assunta sembra, infatti, essere di origine orientale; resta tuttavia, incerta e discussa tra gli studiosi sia la località in cui si è sviluppata, sia il tempo. Sono state, quindi formulate delle ipotesi. 

Santa Maria dal libro "Identità di un paese"

Libro "Identità di un paese" di Tarcisio Agus e Gian Paolo PuscedduI guspinesi hanno sempre manifestato una particolare venerazione per l’Assunta, che secondo l’edito dell’Imperatore Maurizio (582-602 d.C) si celebra il 15 agosto.

Definita “Sa festa manna”, è la ricorrenza più importante per il paese, considerata quasi una sorta di “patrona” nonostante l’ufficialità di San Nicolò.

Un mese prima della celebrazione della festa, tutti i giorni al tramonto i vari rioni si riunivano per recitare il rosario e cantare “is coggius”. Ancora oggi, ma in forma più intima, all’interno della chiesetta di Santa Maria un gruppo di fedeli mantiene viva questa tradizione. “Is coggius” è una forma di canto molto semplice, composto da strofe di sei versi più altri due come ritornello. Di origine presumibilmente spagnola da “Gozare” (godimento) serviva per cantare la vita dei santi e in particolare dell’Assunta.

Il 13 agosto avveniva la vestizione della santa. Secondo la tradizione bizantina, la Madonna, rappresentata da una statua dormiente veniva vestita (la cerimonia della vestitura è ancora in uso) con una tunica ricamata con filamenti in oro e argento, calzari e corona d’argento e ingioiellata con anelli e collane preziose donati come ex voto. La statua dormiente, dopo essere rimossa dall’urna veniva posta sul baldacchino, che veniva utilizzato anche per il suo trasferimento dalla parrocchia di San Nicolò alla chiesetta. Un’antica imposizione vietava l’apertura prima delle ore 15. Il 15 agosto, di mattina, la statua dell’Assunta in processione per le vie San Nicolò, Lamarmora, Ferracciu, La Pace, Manno e vico Santa Maria, veniva portata nella chiesetta, dove vi restava per otto giorni.

Santa Maria de Malta de tziu Arremondicu

Si contat ca médas ma médas annus fait a Guspini, in carrera Figuresia, a is peis de su monti Santa Mraghèda, ddoi fiat u guventu de paras. Is paras fiant òtu, pregànta e traballanta tòtu sa dì: a mangiãu, apustis is oraziõis e apustis de ai ascutàu sa Santa Missa fàta de su para Priori. Acant’e su guventu teniant’u otixeddu e de cussu si nd’incurat su para Otuãu; in d’ua staddixedda tenianta trinta brabeis e ddas potat a pasci su para Pastori e ogna dì ddas mulliat e aici tenìanta su làti po su murzu, po fai cuncua piscedd’e casu e di arrescòtu; su para Messaiu aràt e semiàt su trigu in d’u cungiàu chi ddis iat lassau ua femia chi andat sempiri a sa cresiedda de guventu; su para Cabõi teniat sempiri pullida som’e is puddas, su corratzu de is atras arresis minudas, e ndi pinnicat is òus. A tẽi limpiu su guventu nci penzat su para Scovua; invecias po su murzu, po prandi e po cenài nci pentzat su para Pullenta chi, mancu nau si oit, fiat su prus grassu de is paras. Su para Priori pentzàt ogna dì a curài is animas de is paras e de is guspinesus chi andanta in guventu. Para Dabòri, scedau, fiat tròpu béciu e prẽu de daboris po fai cuncua cosa e insaras arrasat s’arrosariu abetendu chi Deus ddu tzerriessat a Issu. Is parisceddus fianta cuntentus de su traballu chi tenìanta e si ddoi apricanta cantendu e preghendu, su cantu ‘nsòru s’intendiat atèsu. Su ‘mprus de su chi produsianta dd’onanta a is poburus de sa ‘idda. In sa cresiedda ddoi fut ua nicia buìda e insaras ianta dezidiu de comporài ua statua de sa Madonna. Po custa incumbenzia importanti si fiat presentau u bellu giovunu de nomini Efis chi, apustis de ai atacàu is bois a su carru, de ai carriàu ua marighedd’e acua bella, e postu in sa bétua cos’e papài po cussu viagiu longu, fut partìu saludau de is parisceddus e de is fidelis.

Is Coggius di Santa Maria 

 

Is Coggius di Santa Maria a Guspini

Programma

 

Programma della manifestazione

Albo Presidenti

 

Albo Presidenti