Santa Maria de Malta de tziu Arremondicu

Si contat ca médas ma médas annus fait a Guspini, in carrera Figuresia, a is peis de su monti Santa Mraghèda, ddoi fiat u guventu de paras. Is paras fiant òtu, pregànta e traballanta tòtu sa dì: a mangiãu, apustis is oraziõis e apustis de ai ascutàu sa Santa Missa fàta de su para Priori. Acant’e su guventu teniant’u otixeddu e de cussu si nd’incurat su para Otuãu; in d’ua staddixedda tenianta trinta brabeis e ddas potat a pasci su para Pastori e ogna dì ddas mulliat e aici tenìanta su làti po su murzu, po fai cuncua piscedd’e casu e di arrescòtu; su para Messaiu aràt e semiàt su trigu in d’u cungiàu chi ddis iat lassau ua femia chi andat sempiri a sa cresiedda de guventu; su para Cabõi teniat sempiri pullida som’e is puddas, su corratzu de is atras arresis minudas, e ndi pinnicat is òus. A tẽi limpiu su guventu nci penzat su para Scovua; invecias po su murzu, po prandi e po cenài nci pentzat su para Pullenta chi, mancu nau si oit, fiat su prus grassu de is paras. Su para Priori pentzàt ogna dì a curài is animas de is paras e de is guspinesus chi andanta in guventu. Para Dabòri, scedau, fiat tròpu béciu e prẽu de daboris po fai cuncua cosa e insaras arrasat s’arrosariu abetendu chi Deus ddu tzerriessat a Issu. Is parisceddus fianta cuntentus de su traballu chi tenìanta e si ddoi apricanta cantendu e preghendu, su cantu ‘nsòru s’intendiat atèsu. Su ‘mprus de su chi produsianta dd’onanta a is poburus de sa ‘idda. In sa cresiedda ddoi fut ua nicia buìda e insaras ianta dezidiu de comporài ua statua de sa Madonna. Po custa incumbenzia importanti si fiat presentau u bellu giovunu de nomini Efis chi, apustis de ai atacàu is bois a su carru, de ai carriàu ua marighedd’e acua bella, e postu in sa bétua cos’e papài po cussu viagiu longu, fut partìu saludau de is parisceddus e de is fidelis.

Ogna santa dì is parisceddus arresanta ua pregadorìa spezialli a Deus po chi essat postu sa Santa mãu Sua apitzus de cussu giòvunu. Apustis binti disi fut torrau cun su carrigu santu. U piciòcu chi andat méda a guventu, ogna dì nci pesàt a su monti e castiàt atèsu po donài a is paras e a sa populaziõi sa nova de s’arribu di Efis. Sa dì, apenas chi dd’iat apubàu fu cùtu luègus a ddu nai a is paras chi iant sonàu sa campanedda de su guventu, sighìa luégus de sa campana de sa cresia manna. Genti méda, is paras po primu, fiant andaus a dd’atobiài. Scéti apustis si fut scipiu ca fiat Santa Maria de Malta sa Madonna Dromìa. Is fidelis avàtu diventanta sempiri de prus e cussa est stetia sa primu brufessiõi de Santa Maria. Nc’iant passau de pressi sa ‘idda (fiat pitichedda), e candu fiant arribaus a is utimas domus, prim’e pigài su mòri de guventu, is bois si fianta frimaus. No fut srebìu a nudda su strumbu, su fuètu e is su tzerrius di Efis e di atrus messaius anzianus, is bois no ndi obianta scì de si movi. Insandus, essendu giài arribada s’or’e prandi, ianta penzau de si setz’a papài, fai pasiài is bois e ddus fai pasci in d’u cungiàu ingui acànta. Apustis ua parigh’e oras ianta torrau a atacài is bois a su carru po sighì su viagiu, ma is bois no si fianta movius. Ianta dezidiu de põi uantru jù, custus fianta pasiàus e prus mannus: ma no fut cambiau nudda a su propriu, is bois no si fianta movius de u pramu, parriat chi su carru fessat atacàu a terra; ianta provàu a spingi, a tirài ma no nci fut nudda de fai, su carru fiat frimu ingũi in cussu puntu. Is paras, biendu cussu spantu, si fianta ingenugaus a pregài e aici tòtu sa populaziõi. Fiat craru ca cussa fut sa volontadi de Deus: sa Madonna obìat in cussu logu sa domu sua! E insà si fut dezidiu de fai ingũi sa cresiedda de Santa Maria de Malta.

Is parisceddus ca no si obìanta separài de cussa santa statua, ianta dezidiu de fai innì, acànt’e sa cresiedda, su guventu ‘nsòru.

Sa cresia est ancòra oi in bonas condiziõis, arrangiàda de tantu in tantu e tennia in odrini de is fidelis. De su guventu no at abarrau arrastu.

Dogn’annu Guspini fait ua festa de òtu disi, a sa Santa, sa prus manna de bidda.

Po Santa Maria torrant a bidda is emigraus, i est po cussu chi tòtu su cumitau s’ingenniat po dda fai sempiri prus bella. Spereus chi oc’annu puru siat aici e is emigraus torrendu a su logu an ca traballanta potinti in su coru u arregòdu bellu de bidda e de sa festa de Santa Maria.

(traduzione)

Santa Maria di Malta

Tanti ma tanti anni fa a Guspini, in località “Figuresia” ai piedi del monte Santa Margherita, sorgeva un monastero di frati. I monaci erano otto, pregavano e lavoravano tutto il giorno: la mattina, dopo le orazioni e dopo aver ascoltato la Santa Messa celebrata dal Frate Priore, si dedicavano al lavoro quotidiano. Accanto al convento avevano un orticello che curava Fratel ortolano; nella piccola stalla custodivano trenta pecorelle che portava al pascolo Fratel pastore e ogni giorno le mungeva per il latte della colazione e per fare uno squisito formaggio e la ricotta; Fratel contadino arava e seminava il grano in un campo lasciato a loro da un’anziana vedova deceduta; Fratel gallo si occupava di tener sempre pulito il pollaio e il recinto di altri animali domestici, e ogni giorno raccoglieva le uova. La pulizia del convento era affidato a Fratel ramazza; invece della colazione, pranzo, e cena si occupava Fratel polenta che manco a dirlo era il più grasso dei fraticelli. Il Padre Priore si occupava della cura delle anime dei frati e degli abitanti del paese che frequentavano il convento. Fratel dolore era troppo vecchio per fare qualcosa e attendeva in preghiera solo che il buon Dio lo chiamasse a Se.

I fraticelli erano contenti di quelle mansioni e vi si dedicavano con fervore cantando e pregando, il loro canto si sentiva lontano. Gran parte di ciò che producevano lo davano ai poveri del paese. Nella loro cappella c’era una nicchia vuota e allora decisero di acquistare una statua della Madonna. Per questo importante incarico si offrì un baldo giovane di nome Efisio che dopo aver attaccato i buoi al carro, avervi sistemato sopra cibo e acqua per il lungo viaggio, partì salutato da tutti i fraticelli e dai fedeli. Tutti i santi giorni i fraticelli recitavano una preghiera speciale perché Dio proteggesse quel giovane durante il viaggio. Dopo circa venti giorni il giovane tornò con il suo prezioso carico. Un ragazzo che frequentava il convento, ogni giorno saliva sul monte e scrutava l’orizzonte per annunciare l’arrivo di Efisio ai frati e alla popolazione. Quel giorno appena lo vide spuntare in lontananza, corse subito ad avvertire i fraticelli e così la campanella del convento suonò a festa e subito dopo le fece eco la grossa campana della chiesa parrocchiale. Molte persone, i frati in testa, andarono incontro ad Efisio e il suo prezioso carico: la Madonna Dormiente, solo dopo si seppe che si trattava di Santa Maria di Malta. I fedeli al seguito diventavano sempre più numerosi e quella fu la prima processione (peraltro spontanea) della Santa. Attraversarono il paese (era piccolo) ma appena passata l’ultima casa, prima di imboccare il sentiero che portava al convento, i buoi si fermarono. A nulla valse l’uso del pungolo, le incitazioni di Efisio e degli altri contadini anziani, i buoi non vollero più camminare. Allora, essendo già giunta l’ora di pranzo, decisero di far riposare i buoi e farli rifocillare nel campo vicino. Dopo qualche ora i buoi furono nuovamente attaccati al carro per continuare il viaggio, ma nulla da fare, i buoi non si mossero lo stesso. Fu deciso a questo punto di cambiare giogo e al suo posto fu messo un giogo di buoi più grossi e robusti: il risultato fu lo stesso, i buoi non si mossero di un centimetro, sembrava che il carro fosse attaccato a terra; provarono anche a spingere ma niente da fare, il carro rimaneva lì fermo in quel punto. I fraticelli, allora, si riunirono in preghiera coi fedeli presenti e interpretarono il rifiuto degli animali a muoversi come un segno Divino: la Madonna voleva lì la sua casa! Fu quindi deciso di costruire in quel punto la chiesetta di Santa Maria di Malta.

I fraticelli che non volevano separarsi da quella statua sacra decisero di costruire vicino alla chiesetta il loro convento.

La chiesa è ancora oggi in buone condizioni, restaurata di tanto in tanto e tenuta in ordine dai fedeli. Del convento invece non c’è più traccia.

Ogni anno Guspini le dedica una festa di otto giorni, la più importante del paese.

 

Questo racconto si è sentito spesso a Guspini, che sia legenda o fatti realmente accaduti non c'è modo di provarlo, di concreto resta la Chiesa e la ricostruzione quasi fedele dei luoghi , ma soprattutto resta da secoli la devozione per Santa Maria Assunta e sa "Festa Manna" è nel cuore di tutti i Guspinesi. La nostra Fede non ha bisogno di altre prove.

Grazie, a Raimondo Meloni di questo suo contributo in lingua sarda che molto volentieri pubblichiamo e ne aspettiamo altri.